Aceto di Mele per Capelli: Come Usarlo e Dosi Giuste per Averli Lucidi e Splendenti

L'aceto di mele sui capelli è un rimedio semplice ed economico per combattere forfora e capelli grassi ma anche averli lucidi e morbidi. Scopri come usarlo per lavare i capelli e quali sono le dosi giuste.

aceto-di-mele-per-capelli

L’aceto di mele è un prodotto multiuso, che tutti dovremmo avere in casa. Si tratta infatti non solo di un ingrediente essenziale per i condimenti ma è anche un valido alleato per le pulizie di casa e per la cura dei capelli e della pelle.

Grazie al suo contenuto di enzimi, minerali, vitamine e batteri “buoni”, l’aceto di mele è un toccasana per l’organismo in quanto favorisce la digestione, allevia il mal di gola, scioglie il catarro e aiuta persino a perdere peso. In questo articolo vogliamo però soffermarci sull’uso dell’aceto di mele per i capelli.

Grazie ad applicazioni costanti, l’aceto di mele si è dimostrato utile per combattere la forfora, purificare il cuoio capelluto, riparare i capelli danneggiati, crespi e con le punte rovinate, donando una particolare lucentezza e morbidezza. Ottenere questi risultati, come vedremo di seguito, è semplicissimo perché basta utilizzarlo semplicemente per il lavaggio finale (nelle giuste dosi), senza procedure complesse. Ma vediamo innanzitutto quali sono i benefici che possiamo avere sui capelli, usando l’aceto di mele e come impiegarlo al meglio!

Aceto di Mele sui Capelli: Benefici e Proprietà

L’aceto di mele è un prodotto adatto a tutti i tipi di capelli, sia chiari che scuri, sia naturali che colorati. Il suo uso infatti non influisce sul colore, anzi ne esalta la brillantezza, ed è indicato soprattutto a chi ha i capelli spenti e opachi, doppie punte, cute grassa e con forfora.

Proprietà antibatteriche

L’aceto di mele sui capelli ha un’azione disinfettante, utile quindi per prevenire dermatiti ed arrossamenti del cuoio capelluto. L’acido acetico contenuto, è infatti un potente antimicrobico, in grado di combattere batteri e funghi, evitando la loro proliferazione. Essendo molto delicato, può essere utilizzato anche da chi ha la pelle sensibile.

Riduce l’effetto crespo

Una delle azioni più notevoli dell’aceto di mele sui capelli è quella di chiudere le squame; proprio per questo si usa come lavaggio finale dopo che i capelli hanno ricevuto il trattamento necessario. Chiudendo appunto le squame e ammorbidendo il capello, si elimina il fastidioso effetto crespo. I capelli appariranno più lisci e i ricci più definiti.

Ammorbidisce i capelli

Un’altra proprietà dell’aceto di mele per capelli rovinati è quella di rendere i capelli più setosi e morbidi, sani e nutriti. Questo effetto è dovuto a tutti i preziosi elementi contenuti che vanno a nutrire le lunghezze ma anche le radici, combattendo molti fastidiosi problemi come capelli sfibrati e rovinati. Per questo motivo l’aceto di mele sui capelli funge proprio da balsamo naturale; dopo il risciacquo saranno infatti più districati e privi di nodi.

Riequilibra il ph

Fare un risciacquo acido con l’aceto di mele, aiuta a far scendere il ph della cute che spesso viene alternato dall’uso di shampoo e prodotti per i capelli molto aggressivi. Quando il ph dei capelli è alto (nella normalità deve essere compreso tra 4,4 e 5,5), questi si presentano grassi, crespi e tendenti alla forfora.

Rende i capelli più lucidi

Grazie alla capacità di chiudere le squame, l’aceto di mele rende i capelli più lucidi. Questo accade perché quando le squame sono abbassate, riflettono maggiormente la luce, facendo apparire i capelli più luminosi. La differenza tra un risciacquo normale con acqua e uno fatto con l’aggiunta di aceto di mele è davvero notevole da questo punto di vista.

Combatte la forfora

L’aceto di mele sui capelli grassi è in grado di combattere e prevenire la forfora in quanto, oltre a riequilibrare il ph, bilancia anche l’eccesso di sebo. Si dimostra quindi molto utile contro la desquamazione del cuoio capelluto e sui capelli grassi.

Rinforza i capelli

Un altro beneficio dell’aceto di mele per i capelli riguarda la crescita. Le sue proprietà nutritive e la ricchezza di minerali, aiutano a rinforzare i capelli e a prevenirne la caduta. Tutto ciò si traduce in capelli più forti, che si spezzano di meno e che crescono più sani e rigogliosi

Come usare l’aceto di mele per capelli

Abbiamo visto quindi che l’aceto di mele è un prodotto davvero benefico per le nostre chiome. Ma come usarlo sui capelli? Per prima cosa è importante saperlo dosare bene per evitare effetti opposti ed indesiderati come capelli secchi e con nodi; inoltre può essere usato sia da solo che con l’aggiunta di altri ingredienti naturali benefici per i capelli come erbe ed oli essenziali.

Risciacqui con aceto di mele

L’uso più comune dell’aceto di mele sui capelli riguarda il risciacquo finale dopo lo shampoo. Dopo aver lavato i capelli ed eliminato tutta la schiuma, si crea una soluzione di acqua e aceto di mele per sciacquarli un’ultima volta prima di procedere all’asciugatura.

Le dosi giuste sono:

1-2 cucchiai in una bottiglia da un litro

circa un dito in una bottiglia da un litro e mezzo

Per evitare di esagerare con le dosi, o metterne troppo poco, è preferibile infatti misurare l’acqua con una bottiglia, evitando semplicemente di riempire il lavandino e aggiungerlo “ad occhio”. Si procede quindi versando l’acqua sui capelli o per comodità, versandola nel lavandino e immergendo i capelli per un paio di minuti. La cosa importante è non lavare di nuovo i capelli subito dopo il risciacquo con l’aceto di mele, ma asciugarli direttamente. Se usato nelle dosi giuste, l’odore di aceto non si sentirà più sui capelli una volta asciugati.

Aceto di mele e oli essenziali

Possiamo aggiungere alla miscela di acqua e aceto di mele anche degli oli essenziali per capelli, a seconda del problema che vogliamo trattare. Per capelli grassi si può aggiungere qualche goccia di olio essenziale di limone o di rosmarino; contro la forfora invece si può usare dell’olio essenziale di menta.

Per combattere le irritazioni sono ottimi l’olio di camomilla e di lavanda, mentre per aumentare il potere antibatterico si consiglia l’aggiunta di un paio di gocce di tea tree oil. Se si vuole mitigare l’odore dell’aceto e profumare i capelli, si può aggiungere anche qualche goccia di fragranza cosmetica, che non altera le proprietà dell’aceto di mele.

Leggi anche: Oli Essenziali per Capelli: Quali Sono e Come Usarli Correttamente

Aceto di mele e glicerina

Per aumentare la morbidezza dei capelli, possiamo utilizzare della semplice glicerina vegetale da aggiungere nell’ultimo risciacquo insieme all’aceto di mele. La glicerina, composto che si trova nella maggioranza dei prodotti cosmetici, aiuta ad ammorbidire i capelli e a renderli più setosi; ne basta un cucchiaino da tè, da versare nell’acqua.

Aceto di mele e infuso di rosmarino

L’aceto di mele, oltre che all’acqua, può essere mescolato anche con un infuso di erbe che ne accentua le proprietà. Per i capelli grassi, tendenti alla forfora, possiamo preparare un infuso di rosmarino (un litro) e aggiungere due cucchiaini di aceto di mele. Usiamo questa miscela per risciacquare i capelli e noteremo subito un netto miglioramento! L’uso dell’infuso di rosmarino è indicato a chi ha i capelli scuri, perché sui capelli chiari ha un effetto scurente.

Aceto di mele e camomilla

Usare l’aceto di mele insieme ad un infuso di camomilla, invece della semplice acqua, può essere molto d’aiuto a chi ha i capelli chiari o il cuoio capelluto delicato, tendente ad arrossarsi ed irritarsi facilmente. Anche in questo caso basta preparare un litro di infuso e unire due cucchiai di aceto di mele.

Aceto di mele ed altre erbe

Oltre alle erbe viste in precedenza, si possono usare altri infusi per il lavaggio con aceto di mele. In particolare l’infuso di ortica è indicato per i capelli grassi e la forfora, l’infuso di ibisco per accentuare i riflessi rossi o l’infuso di menta per purificare il cuoio capelluto. Ottimi sono anche gli infusi di tè nero che oltre a scurire i capelli ne previene la caduta e quello di salvia, ad azione fortificante.

Aceto di mele con zucchero o miele

Per aumentare i poteri idratanti dell’aceto di mele sui capelli, possiamo aggiungere alla miscela anche un cucchiaio di miele o di zucchero e mescolare bene. In questo caso avremo bisogno di sciacquarli più volte affinché non restino residui nei capelli.

Aceto di Mele per Capelli: Controindicazioni

Abbiamo visto che l’aceto di mele per capelli è un vero e proprio elisir di bellezza, molto semplice da usare ed economico. Ma ci sono anche delle controindicazioni? Naturalmente come in ogni cosa bisogna farne sempre un uso moderato. Non ci sono problemi ad usare l’aceto di mele dopo ogni shampoo (quindi anche 2-3 volte alla settimana), purché si rispettino le dosi. Se usato in quantità smisurate può portare a secchezza e desquamazione.