Aceto di Mele per Dimagrire: Dosi e Come Usarlo per Perdere Peso

L'aceto di mele, grazie alle sue proprietà, aiuta a perdere peso se usato nel modo giusto. Ma come assumere l'aceto di mele per dimagrire? Scopri quando e come berlo e le sue controindicazioni.

aceto-di-mele-per-dimagrire

Forse pochi ancora non lo sanno, ma possiamo consumare l’aceto di mele per dimagrire. Proprio così, tra i numerosi benefici che questo prodotto porta con sé vi è anche la capacità di favorire la perdita di chili e di centimetri sul girovita, all’interno di un regime alimentare corretto e di un adeguato esercizio fisico.

L’aceto di mele è il risultato di una doppia fermentazione del succo e della polpa delle mele, in cui l’alcol viene trasformato in aceto da parte di batteri (acetobacter). Per questo motivo, l’aceto viene considerato a tutti gli effetti un alimento probiotico.

Se vogliamo cercare di dimagrire con l’aceto di mele, è bene scegliere un aceto non filtrato e non pastorizzato, che contiene la cosiddetta “madre di aceto”, vale a dire i batteri che fermentano il succo e che formano un deposito sul fondo delle bottiglie.

L’aspetto di un aceto di mele biologico è certamente diverso rispetto ai prodotti industriali: il primo è di un colore torbido, opaco, può essere più denso e presenta appunto il sedimento della madre di aceto; l’aceto industriale è invece limpido, di un giallo-bronzo acceso, e non vi è traccia di sedimento. A seconda delle mele utilizzate, il gusto può essere più o meno aspro, ma sempre delicato.

Aceto di Mele per Dimagrire: Perché fa Bene

L’aceto di mele aiuta a dimagrire se consumato giornalmente e nelle giuste dosi, e a confermarlo è un accreditato studio condotto in Giappone. Ma come riesce a liberarci dai chili di troppo? Se seguiamo una dieta con aceto di mele che preveda cibi sani e un po’ di movimento, i risultati non si faranno attendere. Una delle proprietà più importanti dell’aceto di mele legata alla perdita di peso è la sua capacità di ridurre l’assorbimento di zuccheri e carboidrati a livello intestinale, ciò è possibile grazie alle fibre contenute nell’aceto, che limitano inoltre, indirettamente, il rilascio di insulina.

L’aceto di mele fa dimagrire anche in virtù del potere saziante di quest’ultimo: le stesse fibre infatti rallentano lo svuotamento gastrico e pertanto percepiamo il senso di fame dopo un tempo maggiore successivo ai pasti. Altra caratteristica dell’aceto di mele per dimagrire riguarda il fatto che si tratta di un cibo definito termogenico, vale a dire che per essere assorbito e digerito dall’organismo necessita di una notevole produzione di calore da parte del corpo, e il corpo, per produrre calore brucia calorie.

Leggi anche: I Migliori Alimenti che Accelerano il Metabolismo Lento

Bere dell’acqua e aceto di mele per dimagrire stimolerebbe infine l’utilizzo dei depositi di grasso del nostro corpo come primissima fonte di energia, prevenendo l’accumulo di ulteriore tessuto adiposo. Ricordiamo inoltre che l’aceto di mele fa dimagrire in quanto riesce a depurare e disintossicare l’organismo dalle scorie, permettendo a quest’ultimo di funzionare al meglio, e stimolando la peristalsi intestinale. Tutto questo contenendo soltanto poco più di 3 calorie per cucchiaio!

Come Dimagrire con l’Aceto di Mele: Dosi e Assunzione

Per prima cosa è bene sottolineare che l’aceto di mele non va assunto da solo. Potrebbe infatti provocare irritazione al cavo orale ed anche allo stomaco per via della sua acidità. Per essere sicuri di utilizzare correttamente l’aceto di mele per dimagrire dobbiamo diluirlo con i liquidi: possiamo sfruttare la semplice acqua naturale, oppure altre bevande, preferibilmente non zuccherate, come tè o succhi di frutta, alle quali aggiungere dolcificanti naturali come il miele.

La temperatura più indicata per i liquidi è la temperatura ambiente, o comunque non troppo calda, in quanto il calore uccide i batteri che fermentano l’aceto. Quando berlo? L’aceto di mele fa dimagrire se assunto al mattino a digiuno o in alternativa mezz’ora prima dei pasti principali (quindi al massimo tre volte al giorno). Le quantità? Se prendiamo dell’acqua e aceto di mele per dimagrire al mattino basteranno un bicchiere colmo di acqua e 2 cucchiai di aceto; se assunto prima dei pasti prepariamo un bicchiere d’acqua e versiamoci 2 cucchiaini di aceto.

Compresse di Aceto di Mele

Per coloro che intendono dimagrire con l’aceto di mele ma soffrono di disturbi legati all’acidità di stomaco o non tollerano il sapore dell’alimento neanche quando questo viene diluito con acqua o succhi di frutta, esistono delle alternative. In commercio è infatti possibile trovare integratori alimentari sotto forma di compresse o capsule, la maggior parte delle quali tuttavia non contiene i batteri tipici della madre di aceto.

Altro prodotto disponibile è poi la polvere solubile istantanea che va aggiunta ad acqua preferibilmente calda. Anche in questo caso però non sono presenti i batteri del genere Acetobacter. In una dieta con aceto di mele sotto forma di compresse o polvere siamo naturalmente tenuti a rispettare le indicazioni riportate su ogni singola confezione riguardo le modalità e le dosi da assumere.

Aceto di Mele per Dimagrire: Controindicazioni

Benché l’aceto di mele per dimagrire sia un prodotto del tutto naturale, non sempre berlo può portare dei benefici. Ci riferiamo a quei casi in cui l’assunzione di questo alimento è sconsigliata per determinate tipologie di persone. In particolare, abbiamo già detto che l’aceto potrebbe provocare disturbi a livello gastrico a causa della sua acidità, pertanto, suggeriamo di fare dei tentativi (tramite polvere o capsule di aceto per poi passare al prodotto liquido) e verificare così la propria tolleranza.

Dal momento che agisce inibendo l’assorbimento degli zuccheri, i soggetti glicemici così come coloro che stanno seguendo una terapia per combattere l’iperglicemia devono chiedere il parere del medico prima di assumere acqua e aceto di mele per dimagrire.

Le persone che hanno intrapreso una terapia a base di diuretici devono prestare molta attenzione dal momento che tali farmaci comportano spesso un’eliminazione di minerali importanti per l’organismo, tra cui il potassio. Secondo alcune ricerche, è vero che l’aceto di mele aiuta a dimagrire, ma è anche vero che in soggetti predisposti abbassa i valori del potassio, portando a scompensi considerevoli. Poiché il potassio regola l’attività del cuore, anche chi soffre di cardiopatie deve consultare lo specialista prima di ingerire l’aceto quotidianamente.

Leggi anche: 5 Tisane per Dimagrire Efficaci per Sgonfiarsi e Perdere Peso

Leggi anche: Cibi che Fanno Dimagrire: 15 Alimenti per Perdere Peso