Bucato Profumato: Rimedi e Trucchi per Vestiti che Puzzano

Avere un bucato profumato non è difficile, basta seguire alcuni accorgimenti e usare i prodotti giusti per profumare la biancheria. Vediamo quali sono i rimedi per eliminare il cattivo odore dai vestiti e dalla lavatrice e profumare il nostro bucato più a lungo!

bucato profumato

Uno dei sogni di tutte le casalinghe è avere sempre un bucato profumato e non solo pulito. Spesso infatti succede che gli indumenti estratti dalla lavatrice emanano un odore sgradevole che persiste anche dopo diversi lavaggi. Altrettanto spesso, invece, capita che anche usando l’ammorbidente, l’odore e il profumo vanno via dopo pochissimo tempo. Cosa fare in questi casi? Come rendere il bucato profumato a lungo?

Ci sono diversi rimedi e trucchi per avere capi puliti e profumati, ma bisogna sapere che alcune della cause per cui gli indumenti puzzano, sono da collegarsi alla lavatrice e alla sua manutenzione. Vediamo allora come agire, quali prodotti usare e tutti i segreti e i rimedi per avere un bucato profumato!

Perché i vestiti puzzano?

Prima di vedere come profumare il bucato in modo naturale, cerchiamo di capire quali sono le cause che possono portare ad odori sgradevoli. Molte volte infatti succede che le origini del cattivo odore sono dovute alla lavatrice (in particolare al cestello) o alla condizione con cui trattiamo i nostri capi. Ecco i motivi per cui il bucato può assumere cattivi odori:

  • Lavatrice sporca
    Spesso non ce ne accorgiamo, ma la lavatrice al suo interno può risultare sporca. Questo accade perché magari si sono fatti dei lavaggi con indumenti eccessivamente macchiati e lo sporco si è depositato nel cestello insieme al ristagno di detersivo. Con il passare del tempo il cestello comincia ad emanare cattivi odori che, come vedremo, è possibile eliminare in modo che il bucato sia più profumato.
  • Sportello della lavatrice sempre chiuso
    Tenere lo sportello della lavatrice sempre chiuso, anche quando non è in funzione, favorisce la formazione ed il deposito di cattivi odori all’interno del cestello in quanto non è abbastanza arieggiata.
  • Lasciare il bucato in lavatrice per troppo tempo
    Capita, ad esempio durante la notte, di lasciare il bucato nella lavatrice molto tempo dopo la fine del lavaggio. Anche questa è una cattiva abitudine in quanto il cestello, con gli indumenti bagnati, è soggetto a condensa e alla formazione di batteri e muffe, in questo modo il bucato comincia ad assumere odori sgradevoli in quanto non arieggiato.
  • Lavaggi con acqua fredda
    Usare l’acqua fredda per il lavaggio non aiuta ad ottenere un bucato profumato. Se infatti laviamo indumenti che puzzano (ad esempio bagnati di sudore), l’odore non andrà via a basse temperature. L’acqua fredda inoltre non uccide i germi e non toglie le macchie più ostinate.
  • Lasciare il bucato umido nella cesta
    Tenere gli indumenti umidi o bagnati, come ad esempio gli asciugamani, nella cesta per il bucato, fa sviluppare non solo germi e batteri ma anche i fastidiosi cattivi odori. In questi casi è sempre bene lavarli subito o farli asciugare prima di metterli nella cesta.
  • Appesantire troppo la lavatrice
    Per essere sicuri di lavare bene il bucato e di eliminare quindi gli odori, è importante non caricare troppo la lavatrice, oltre ad usare una temperatura adeguata per ogni tipo di indumento.

Come profumare il bucato senza ammorbidente

Abbiamo visto quali sono gli errori da evitare se vogliamo ottenere un bucato profumato a lungo, ma quali sono i migliori prodotti da usare al posto dell’ammorbidente? In casa avremo sicuramente una bottiglia di aceto o una confezione di bicarbonato; questi sono solo due degli ingredienti che possiamo usare per profumare la biancheria e togliere anche i cattivi odori dalla lavatrice. Vediamo come utilizzarli.

Bicarbonato

Il bicarbonato è noto per la sua capacità di assorbire gli odori e per questo viene utilizzato in diversi campi: dalle pulizie alla cura della persona. Spesso infatti è consigliato per togliere i cattivi odori dalle scarpe o per creare dei deodoranti naturali per ascelle. Ma come usare il bicarbonato per avere un bucato profumato?

Se abbiamo degli indumenti particolarmente maleodoranti e sporchi, mettiamoli in ammollo per qualche ora in una soluzione di acqua e bicarbonato prima di effettuare il lavaggio in lavatrice. In alternativa possiamo utilizzare il bicarbonato anche durante il lavaggio, aggiungendone un cucchiaio per ogni misurino di detersivo. Questo trucco previene anche la formazione di calcare.

Aceto

L’aceto di mele o di vino, sono un ottimo rimedio per profumare il bucato senza ammorbidente. Anche questo prodotto infatti, è usato come “cattura odori” nelle pulizie domestiche soprattutto per la pulizia del forno, del frigorifero e della lavastoviglie.

L’aceto può essere usato direttamente nella lavatrice, al posto dell’ammorbidente, effettuando un normale lavaggio. I capi saranno più brillanti e profumati! Ogni tanto, usiamolo anche per lavare il cestello, facendo un lavaggio a vuoto solo con acqua calda e aceto di mele.

Olio essenziale di lavanda

Se vogliamo aggiungere dei veri e propri ingredienti profumati per il bucato, usiamo gli oli essenziali che, oltre ad essere naturali, sono utili a profumare il bucato più a lungo per diversi giorni. L’olio essenziale di lavanda ha un odore molto delicato e gradevole, dalle proprietà rilassanti. Mettiamone una ventina di gocce per circa 50 ml di detersivo e procediamo al normale lavaggio. Una volta tolti dalla lavatrice, gli indumenti saranno profumatissimi!

Tea tree oil

Il tea tree oil è un profumatore per bucato naturale che svolge anche un’azione antibatterica, usiamolo quindi quando il bucato è particolarmente sporco. Anche in questo caso possiamo ottenere un bucato profumato senza ammorbidente, semplicemente aggiungendone qualche goccia alla vaschetta del detersivo.

Altri oli essenziali

Molti altri sono gli oli essenziali che fungono da essenze profumate per il bucato; tra i migliori ci sono l’olio essenziale di limone e di cedro che donano al bucato un odore fresco e rilassante. In alternativa usiamo l’olio essenziale di eucalipto o melissa, se amiamo le essenze balsamiche o di vaniglia e cannella per un bucato dal profumo orientale.

Bucato profumato: trucchi e accorgimenti

Dopo aver visto come profumare il bucato con i migliori prodotti naturali, vediamo qualche trucchetto che ogni casalinga dovrebbe conoscere per ottenere una biancheria profumatissima.

  • Asciugare bene i vestiti
    Prima di riporre gli abiti nell’armadio, dobbiamo assicurarci che siano perfettamente asciutti. Se il bucato è ancora umido non va mai messo al chiuso; ci ritroveremo con degli abiti maleodoranti che dovremo rilavare. Meglio quindi prolungare l’asciugatura di qualche ora (preferibilmente al sole)!
  • Profumare cassetti
    Usare dei profumatori per cassetti è un altro modo pratico per avere un bucato profumato come appena lavato. In commercio si possono trovare delle pratiche bustine da inserire nei cassetti, oppure rivestirli con della carta profumata che va cambiata ogni 3-4 mesi. Se vogliamo dei profumatori naturali, possiamo confezionarli con le nostre mani, prendendo ad esempio un fazzoletto di stoffa su cui verseremo delle gocce di olio essenziale a scelta.
  • Lavare il cestello della lavatrice
    Come abbiamo visto, se il cestello della lavatrice puzza, anche il bucato assumerà cattivi odori. Puliamolo quindi regolarmente utilizzando una soluzione di acqua ed aceto e facendo, ogni tanto, dei lavaggi a vuoto ad alte temperature con l’aceto.
  • Lavare subito gli indumenti umidi
    Accappatoi, asciugamano e vestiti bagnati vanno subito lavati per evitare che si impregnino di cattivi odori, sprigionati dall’umidità. Possiamo anche tenerli in ammollo per un paio di ore prima di lavarli, l’importante è che non rimangano umidi a lungo.
  • Separare il bucato
    Per avere sempre un bucato profumato è necessario innanzitutto lavarlo bene e alle giuste temperature, quindi bisogna separare i diversi tessuti in base al lavaggio richiesto. I capi più sporchi dovrebbero essere lavati con piccoli carichi e ad alte temperature in modo che il detersivo agisca meglio.
  • Non usare troppo detersivo
    Sembra un controsenso, ma usare troppo detersivo non vuol dire avere il bucato profumato. Perchè? Questo accade perché quando il detersivo versato nella lavatrice è tanto, il lavaggio non riesce a drenarlo tutto per cui spesso si accumula nella guaina del cestello (il rivestimento in gomma) dando con il tempo origine a cattivi odori, nonché germi e batteri, dovuti all’irrancidimento. Usando le giusti dosi di detersivo si evita quindi il ristagno di liquido in lavatrice.
  • Usare dei profumatori per bucato
    In commercio si possono trovare diversi tipi di essenze profumate per il bucato, in forma liquida o in polvere, anche se non tutte sono naturali. Ottenere un bucato profumato con questi prodotti è semplicissimo: basta inserirli in lavatrice seguendo le istruzioni presentate sulla confezione. Nella scelta, consigliamo di acquistare essenze ecologiche, prive sostanze chimiche e allergeni.