Come Conservare lo Zenzero per Averlo Sempre Fresco!

Conservare lo zenzero fresco nel modo giusto è necessario per mantenere le sue proprietà nel tempo. I metodi di conservazione sono diversi e vanno eseguiti con cura: ecco i nostri consigli su come farlo durare più a lungo in frigo, congelatore e persino sotto spirito!

come conservare lo zenzero

La radice di zenzero fresco deve essere conservata in modo corretto per evitare che seccandosi perda non solo le sue proprietà ma diventi anche molto difficile da utilizzare. Per conservare lo zenzero si possono usare diversi metodi che variano a seconda di quanto tempo vogliamo tenerlo, ad esempio qualche settimana o qualche mese.

Nel momento dell’acquisto, lo zenzero fresco presenta una radice turgida e soda; per essere sicuri che non sia già vecchio basta verificare lo stato della buccia: se è secca, raggrinzita, bagnata o ammuffita vuol dire che è quasi inutilizzabile, per cui è meglio non acquistarlo. La buccia infatti al tatto dovrà essere liscia e la radice ben dura e compatta.

Ma come conservare lo zenzero fresco dopo averlo usato per la prima volta? Innanzi tutto bisogna dire che quando si utilizza non va mai sbucciato del tutto, ma va tolta la buccia solo ai pezzi che intendiamo usare. Vediamo allora i metodi più efficaci per un’ottima conservazione dello zenzero!

Come conservare lo zenzero: i metodi più efficaci

Rispetto a tanti tipi di frutta e verdura fresca, lo zenzero si conserva più a lungo anche a temperatura ambiente, ma solo in determinate condizioni e adottando alcuni piccoli accorgimenti che vedremo.

Per farlo durare più a lungo si può anche congelare in modo da conservarlo anche per diversi mesi senza che perda del tutto le sue proprietà.

Conservazione dello zenzero in frigo

Il modo più pratico per conservare lo zenzero è tenerlo in frigorifero subito dopo l’uso. Se chiuso nel modo giusto può essere tenuto anche per diverse settimane (massimo 1 mese) senza che la radice si secchi troppo. Per conservare lo zenzero fresco in frigo è necessario che la radice sia intatta ovvero bisogna togliere la buccia solo al pezzo che useremo.

Mettiamola in un sacchetto richiudibile avendo cura di far uscire tutta l’aria cosicché non si formi l’umidità e relativa muffa al suo interno. Un’accortezza in più è quello di riporlo nel cassetto dove teniamo frutta e verdura.

Congelare lo zenzero

Lo zenzero può essere tranquillamente congelato se pensiamo di non utilizzarlo in tempi brevi. Conservare lo zenzero in congelatore è molto comodo, perché ci garantisce una maggiore durata della radice e ci permette di tirarlo fuori solo al momento del bisogno, senza aspettare che si scongeli.

Ci sono diversi metodi per congelare lo zenzero fresco che variano a secondo del modo d’uso:

  • Se siamo abituati ad usarlo in pezzi, possiamo tagliarlo a fettine sottili o a tocchetti e riporlo in contenitori con coperchio o bustine a chiusura ermetica. Il consiglio è quello di mettere i pezzi l’uno accanto all’altro (non l’uno sull’altro), in modo da poterli scongelare facilmente senza che si attacchino tra di loro. Inoltre è bene asciugare accuratamente le fettine, magari passandole con un tovagliolo di carta, così che non si formino cristalli liquidi all’interno.
  • In alternativa, prima di congelarlo, possiamo prima grattugiarlo in modo da usarlo più comodamente come condimento per le nostre ricette.Anche in questo caso è bene tenerlo separato, magari facendo delle singole porzioni.

Ricordiamo che lo zenzero in congelatore si mantiene comunque abbastanza morbido, per cui possiamo anche tirarlo fuori un momento, grattugiare la dose che ci serve, e riporlo di nuovo in congelatore. Con questo metodo si conserva anche per 6 mesi.

Zenzero sott’olio o sott’aceto

Molte persone ricorrono a questo metodo particolare ma altrettanto valido per conservare lo zenzero fresco: ovvero tenerlo in barattoli sott’olio o sott’aceto. Per conservare lo zenzero nel liquido, basta tagliarlo a fettine molto sottili o a pezzi e riporlo sul fondo di un barattolo di vetro con chiusura ermetica. Ricoprirlo con olio o aceto (bianco o di mele) e tenerlo in frigo. Ricordiamo che in questo modo il sapore dello zenzero cambia e che l’olio di conservazione può essere usato come condimento aromatizzato per i nostri piatti.

A temperatura ambiente

Se l’ambiente non è troppo caldo e umido, possiamo conservare lo zenzero anche fuori dal frigo, tenendolo però in un posto asciutto al riparo dalla luce. Anche in questo caso non dobbiamo rimuovere la buccia per evitare che la polpa diventi secca e filamentosa.

Avvolgiamo la radice in un tovagliolo di carta da cucina o in un sacchetto di carta (come quelli del pane) e chiudiamo bene in modo che non entri aria. Riponiamolo in dispensa o comunque in una stanza fresca. Questo metodo è indicato quando lo zenzero viene usato spesso e consumato nel giro di una settimana.

Conservazione in alcool

Conservare lo zenzero fresco sotto spirito è un’altra alternativa valida anche se non sempre pratica. Infatti lo zenzero tende ad assorbire il sapore dell’alcool e per questo non può essere usato per determinati tipi di ricette. Ma come conservare lo zenzero fresco in questo modo?

Il procedimento è molto semplice: basta tagliare lo zenzero giù sbucciato in pezzi, riporlo in un barattolo di vetro e ricoprirlo con alcool o un liquore a scelta come vodka o sherry. Si tratta di un metodo per la conservazione dello zenzero adatto soprattutto quando intendiamo usarlo in drink e bevande particolari.

Essiccarlo

Un altro metodo per conservare lo zenzero e farlo durare più a lungo è essiccarlo e macinarlo per ridurlo in polvere. L’essiccazione dello zenzero può essere fatta sia in forno che alla luce diretta del sole (metodo che richiede più giorni), oppure tramite un apposito essiccatore.

Ad ogni modo è necessario lavare bene lo zenzero e tagliarlo a pezzetti molto piccoli così che l’operazione sia più veloce. Se si sceglie il forno, basta distribuirlo bene su una teglia rivestita con carta da forno e lasciarlo “cuocere” per qualche ora a temperature basse. Una vota pronto si può tritare con un macina spezie o un mixer e conservare in barattoli di vetro con chiusura ermetica.

Idee per usare lo zenzero

Abbiamo visto come conservare lo zenzero fresco in modo da preservare le proprietà ed averlo sempre a portata di mano. Sia lo zenzero fresco che quello in polvere, possono essere utilizzati per la preparazione di tanti piatti, dolci o salati, ma anche di bevande e persino dessert. Alcune idee per usarlo?

  • Grattugiato in zuppe, sughi e minestre
  • In polvere in biscotti, torte e ciambelle
  • In polvere per cracker, grissini e prodotti da forno
  • Per fare un liquore digestivo
  • Tisane, tè e cioccolata calda
  • Per arricchire drink e cocktail
  • Per fare una deliziosa marmellata
  • In polvere per condire verdure alla griglia
  • Aggiunto a pezzetti nei frullati
  • Candito o marinato
  • Spolverato sulle insalate