Lecitina di Soia: Proprietà, Come Assumerla e Controindicazioni

La lecitina di soia aiuta ad abbassare il colesterolo e contrasta i sintomi della menopausa. Ecco come usarla, quali sono le controindicazioni e le proprietà benefiche anche per la tiroide.

lecitina-di-soia-proprietà

È sempre presente negli ingredienti di alimenti o medicinali: parliamo della lecitina di soia. Di cosa si tratta esattamente? La parola lecitina indica un complesso di sostanze caratterizzate perlopiù da lipidi, grassi Omega 3 e 6 e alcuni minerali, tra cui calcio e fosforo. Viene estratta dall’olio di soia e largamente adoperata nell’industria farmaceutica e alimentare per una sua peculiarità: la lecitina è in grado di evitare che le molecole dei grassi si separino a contatto con quelle dell’acqua, agendo quindi come emulsionante.

Quello che non molti sanno è che la lecitina è presente nelle piante ma anche nell’organismo umano: la si trova nelle cellule ed è responsabile del processo di esterificazione che facilita il trasporto del colesterolo al fegato per essere assorbito o eliminato. Da ciò ne derivano pertanto alcuni benefici sulla salute, tra cui una riduzione dei livelli del colesterolo nel sangue e al contempo una funzione protettiva nei confronti dell’apparato cardiovascolare.

La lecitina può essere acquistata in diversi formati: esistono in commercio degli integratori ai quali vengono associate alcune vitamine, oppure possiamo decidere di aggiungerla ai nostri piatti preferendo la lecitina di soia granulare o quella liquida.

È adatta all’alimentazione di tutti, in quanto non contiene glutine, e come vedremo tra poco, i vantaggi legati al suo consumo non sono da sottovalutare.

Lecitina di Soia: Proprietà e Benefici

Non solo essenziale per emulsionare gli alimenti, ma anche per favorire il nostro benessere. La lecitina estratta dalla soia può effettivamente agire sulla nostra salute e migliorarla. Scopriamo il modo in cui agisce e le sue proprietà.

Abbassa il colesterolo

La lecitina rende più semplice il trasporto al fegato del colesterolo e la conseguente eliminazione. Questo rapporto tra lecitina di soia e colesterolo comporta inoltre la riduzione dell’assorbimento di quest’ultimo, il che si traduce in livelli ematici più bassi delle LDL (sebbene durante gli studi non in tutti i soggetti si sia verificata un’effettiva riduzione del colesterolo).

Migliora la digestione

Le caratteristiche peculiari della lecitina estratta dalla soia favoriscono anche un miglioramento dei processi digestivi attraverso una maggiore secrezione di succhi gastrici. Inoltre, la soia possiede delle fibre che agiscono su stomaco e intestino favorendo l’assorbimento ottimale dei nutrienti e l’eliminazione delle scorie.

Migliora la salute del cuore

Riducendo i livelli di colesterolo nel sangue, nonché il suo assorbimento a livello intestinale, la lecitina di soia si dimostra un importante alleato nella lotta alle malattie cardiovascolari. Inibendo l’accumulo di colesterolo, quest’ultimo non si depositerà all’interno delle arterie ed eviterà quindi la formazione di placche. Alcuni risultati positivi si sono inoltre avuti in soggetti che soffrono di scompenso cardiaco.

Idrata la pelle

L’azione della lecitina sulla pelle è prettamente idratante ed esfoliante. Possiamo aggiungere la lecitina di soia alla nostra crema quotidiana o al gel di aloe vera per un’idratazione efficace della cute, oppure, miscelare questi due ingredienti ad un cucchiaino di argilla e olio di argan per una maschera che elimina le impurità del viso, lasciando comunque la pelle nutrita e morbida.

Lecitina di soia e tiroide

Esiste anche un legame stretto, spesso dibattuto, che lega la lecitina ad un altro organo, stiamo parlando del rapporto tra lecitina di soia e tiroide. In soggetti sani l’assunzione della soia non comporta alcun disturbo fisico e non influisce sull’attività tiroidea, se non migliorando il metabolismo. Inoltre, chi soffre di ipertiroidismo lieve può consumare la lecitina dal momento che regola la produzione degli ormoni tiroidei.

Lecitina di soia e menopausa

La soia è nota per il suo contenuto di ormoni naturali, vale a dire i fitoestrogeni, che sono stati più volte considerati importanti per la loro azione nel contrastare i sintomi della menopausa: vampate di calore, aumento di peso, irritabilità ma anche depressione. La soia contiene inoltre un composto, la fosfatidilserina, che inibisce la produzione di cortisolo e quindi riduce lo stress.

Il rapporto tra lecitina di soia e menopausa non deve scoraggiare il sesso maschile nell’assumerla. La lecitina, infatti, una volta introdotta nell’organismo viene trasformata in acetilcolina, una sostanza responsabile della trasmissione degli impulsi nervosi. Ciò significa che la soia migliora le capacità cerebrali e previene potenzialmente la comparsa di malattie quali Alzheimer o demenza, in cui i più colpiti sembrano proprio gli uomini.

Altra proprietà della lecitina di soia è quella di prevenire i calcoli alla cistifellea e di svolgere una funzione protettiva nei confronti del fegato, è infatti consigliata a chi soffre di steatosi epatica.

Per quanto riguarda l’uso esterno, la lecitina può essere inoltre impiegata per impacchi da applicare ai capelli: li renderà più corposi e sani.

Lecitina di Soia: Come si Assume

I formati della lecitina estratta dalla soia sono diversi: qualora volessimo assumere questo elemento quale vero e proprio integratore, esistono delle compresse di lecitina di soia da 500 mg che vanno assunte più volte al giorno. Insieme alle capsule, troviamo anche la lecitina in granuli, in forma liquida (un cucchiaio corrisponde a circa 14 g) e naturalmente in polvere. La dose consigliata e sicura da assumere giornalmente e in modo continuativo corrisponde ad un massimo di 10 gr al giorno.

La lecitina granulare e quella in polvere andranno prima sciolte in acqua e assunte ai pasti.
Sebbene costituisca un ingrediente frequente di molti cibi confezionati, ciò non significa che non possiamo adottarla anche in cucina. Può infatti essere aggiunta a bevande come latte, frullati, yogurt, oppure utilizzata per addensare creme dolci e salate. C’è anche chi la usa negli impasti lievitati o per una margarina fatta in casa.

Lecitina di Soia: Dove si Compra

Gli integratori di lecitina di soia vengono venduti ormai in molti supermercati. Per quanto riguarda invece gli altri formati, è possibile trovarli nei supermercati più forniti e naturalmente in farmacia ed erboristeria.

Sia che desideriamo assumere gli integratori, sia che intendiamo adoperare i granuli o la forma liquida della lecitina in cucina, è indispensabile che nella confezione sia scritto che la soia non sia stata modificata geneticamente, e non contenga OGM o ulteriori sostanze chimiche.

Lecitina di Soia: Controindicazioni

Abbiamo già parlato del legame particolare che unisce lecitina di soia e tiroide. Il consumo della soia è pertanto sconsigliato a chi soffre di ipotiroidismo conclamato e non deve essere assunta in concomitanza con farmaci ormonali. In generale, non vi sono particolari controindicazioni al suo consumo, se non in casi di allergia alla soia.

Gli effetti avversi, come dolore addominale, diarrea, nausea, si riscontrano maggiormente in casi di sovradosaggio. Consigliamo tuttavia di iniziarne l’assunzione con dosi di 3 gr e vedere come reagisce l’organismo, aumentando progressivamente le quantità.

Infine, non vi sono dati a sufficienza riguardanti l’assunzione della lecitina in donne in stato di gravidanza o allattamento. Ad ogni modo, contenendo estrogeni naturali, è bene evitare l’assunzione della soia in questi periodi così particolari.