Riso Selvatico: Proprietà, Cottura e Usi in Cucina della Zizania Acquatica

Le proprietà del riso selvatico (o riso selvaggio) canadese: un riso ricco di fibre e proteine. Ecco i benefici, come cucinarlo e qualche semplice ricetta!

riso-selvatico-canadese

Assomiglia al nostro riso venere ma ha un sapore differente: è il riso selvatico, una tipologia di cereale che appartiene alla famiglia delle Graminacee, ma di genere diverso (Zizania). Questa particolare tipologia di cereale costituisce una delle varietà maggiormente consumate negli Stati Uniti ed in Canada (da cui l’appellativo di riso selvatico canadese), luoghi in cui la pianta è originaria.

Infatti, la zizania cresce nelle zone paludose e acquitrinose del territorio americano e la raccolta dei suoi semi, che si effettua soltanto in determinati periodi dell’anno, viene ancora oggi fatta a mano. Questo riso non deve essere in alcun modo confuso con altre tipologie di cereale, dal momento che si contraddistingue da queste per le sue caratteristiche nutrizionali: contiene una quantità di fibre superiore rispetto a qualsiasi altro riso, così come le proteine, pressoché assenti nelle altre varietà.

Non contiene glutine ed ha un indice glicemico basso (35). I chicchi di riso selvaggio si presentano di un colore rosso-marrone intenso che tende al nero, hanno una forma affusolata e allungata di quasi 1 cm e un sapore che ricorda quello delle castagne.

Riso Selvatico: Valori Nutrizionali

Questo riso rappresenta una varietà unica nel suo genere. Innanzitutto, il colore scuro è dato dall’ingente quantità di antociani, elementi dal forte potere antiossidante che contrastano l’invecchiamento cellulare.

Benché il riso abbia un contenuto calorico simile alle altre varietà (357 kcal per 100 gr), supera di gran lunga queste ultime per la presenza notevole di fibre (6 gr), indispensabili per la funzionalità dell’apparato gastrointestinale. Altro tratto distintivo della zizania acquatica è il contenuto di proteine, analogo a quello delle fibre. La zizania presenta poi alcuni minerali e vitamine tra cui magnesio (177 mg), potassio (427mg) e fosforo (433 mg)e vitamine del gruppo B, A ed i folati (questi ultimi presenti per circa 95 mcg).

Riso Selvatico: Proprietà e Benefici

Date queste premesse è facile capire come possiamo trarre numerosi benefici per la salute dal suo consumo. Analizziamo quindi più nel dettaglio quali sono le proprietà del riso selvatico.

È ricco di antiossidanti

La presenza di antocianine, minerali e vitamine rappresenta un mix antiossidante estremamente efficace contro i radicali liberi, l’invecchiamento precoce e la comparsa di malattie croniche. Gli antiossidanti sono inoltre in grado di prevenire o contenere infezioni e processi infiammatori.

È ricco di acido folico

I folati appartengono alle vitamine del gruppo B e costituiscono un elemento di vitale importanza per lo sviluppo del feto, in quanto sono responsabili della divisione cellulare;. prevengono malformazioni e favoriscono la produzione di globuli rossi e piastrine.

Rinforza le ossa

Il riso selvatico costituisce un valido supporto per rafforzare le ossa, prevenendo fratture e osteoporosi. Ciò è dovuto principalmente al contenuto di fosforo, minerale che si deposita all’interno del tessuto osseo, e che lavora in concomitanza con il calcio per mantenere struttura e densità resistenti.

Combatte la stanchezza

I chicchi di riso con le loro vitamine e sali aumentano la resistenza alla fatica e contrastano la sensazione di stanchezza di qualsiasi tipo di sforzo. Il magnesio, in particolare, attiva correttamente l’ATP, ossia l’energia che consumiamo in ogni istante della giornata.

Combatte la stitichezza

È facile intuire come questo riso selvatico canadese agisca in tal senso: le fibre migliorano i processi digestivi e combattono la stipsi, promuovendo la peristalsi intestinale. Ricordiamo che un corretto transito intestinale impedisce il ristagno di tossine nel corpo e la fermentazione degli alimenti, causa di gonfiore e crampi.

Aiuta a perdere peso

Alla regolarità intestinale si aggiunge il fatto che il riso del genere Zizania possiede un indice glicemico basso ed ha un alto potere saziante. Nelle ricette con il riso selvatico i carboidrati presenti, costituiti principalmente dalle fibre, rallentano l’assorbimento del glucosio mentre le proteine consentono di bruciare più calorie.

Controlla i livelli di colesterolo

Insieme alle proteine anche il potassio e gli antiossidanti mantengono i livelli di colesterolo nella norma. L’azione unita di questi elementi, infatti, impedisce l’aumento delle LDL evitando la formazione di ateromi (placche di colesterolo) e proteggendo l’apparato cardiovascolare.

Cottura del Riso Selvaggio

Per sfruttare al meglio le proprietà del riso selvatico occorre imparare come cucinarlo. È bene sottolineare che i tempi di cottura sono di circa 45 minuti fino ad un’ora, pertanto, occorre calcolare anche i tempi degli altri ingredienti. Il procedimento è semplice: sciacquiamo il riso in acqua corrente e uniamo ad esso 3 parti di acqua o brodo in una pentola. Passati 30-45 minuti il riso dovrebbe essere cotto. A questo punto noteremo un aumento delle dimensioni dei chicchi e la loro rottura.

Riso Selvatico: Dove si Compra e Prezzo

Poiché si tratta di una varietà di riso ancora poco nota in Italia, reperirlo potrebbe essere un po’ complicato. Oltre che nei grandi supermercati, molti negozi biologici propongono sempre più spesso la zizania acquatica in pratiche confezioni da 200 gr. Essendo raccolta principalmente a mano, la zizania ha un prezzo leggermente elevato: dai 7 € per le confezioni di 200 gr ai 15 € o più per quelle da 500 gr.

Riso Selvatico: Ricette e Usi in Cucina

Se desideriamo cucinare qualcosa di diverso dal solito, di carattere e gustoso al tempo stesso, il riso selvaggio è un’idea che sorprenderà vista e palato. Può essere adoperato in ricette tradizionali come timballi, insalata fresca o appetizer. Possiamo inoltre abbinarlo ad altri cereali (per esempio mischiandolo ad altre varietà di riso), oppure miglio e quinoa. I piatti avranno un sapore piacevole ma del tutto nuovo!

Riso selvaggio con verdure

Per questa ricetta possiamo scegliere le verdure che preferiamo: zucchine, pomodorini, carote, senza dimenticare erbe e spezie: prezzemolo, basilico e anche un pizzico di zenzero. Cuociamo il riso e le verdure separatamente. Prepariamo per prima cosa il cereale sciacquandolo e ponendolo in una pentola ampia con l’acqua. Nel mentre, rosoliamo le verdure con un po’ di olio e cipolla; lasciamole cuocere. Una volta cotte, aggiungiamo il riso e aggiustiamo di sale e aromi a piacere.

Riso selvaggio e zucca

Un’altra delle ricette con il riso selvatico da provare prevede l’utilizzo della zucca. Cuociamo sempre il riso per primo come visto in precedenza. Tagliamo a fette o a pezzetti la zucca e cuociamola nel forno con gli aromi (timo, origano, maggiorana). Quando è cotta, saltiamola in padella insieme al riso aggiungiamo ancora sale o ulteriori spezie.